armi difesa personale

Armi per autodifesa legali

Condividi se l'articolo ti è piaciuto!

Sapersi difendere può essere fondamentale in alcuni momenti della vita. Per questo è
necessario conoscere quali sono le armi per autodifesa legali, cioè la cui
detenzione in casa ed il cui utilizzo sia consentito ai termini di legge.

La possibilità di utilizzare armi per la difesa personale è sempre più contemplata da molte
persone che temono di poter essere aggredite per strada, sul luogo di lavoro o anche nella
loro abitazione.

Non si possono usare come armi da autodifesa coltelli da cucina, cacciaviti, martelli, che
sono spesso a portata di mano ma che sono considerati ‘armi improprie’ atte ad offendere.
Portare con sé un coltello, ad esempio, non è possibile. Ma ci sono degli oggetti che
possono essere usati come armi per autodifesa e che non potrebbero mai far sorgere il
sospetto di averle portate con sé per offendere qualcuno.

Armi legali: quali sono

1. Spray al peperoncino antiaggressione

spray peperoncino

OFFERTA

Lo spray al peperoncino antiaggressione consiste in un prodotto molto comune che può essere portato con sè ovunque, laddove si tema per la propria incolumità personale. Ad esempio viene spesso utilizzato dalle donne che hanno paura di essere aggredite per strada o nel luogo di
lavoro. L’utilizzo è regolato dalle leggi sulla legittima difesa, quindi non deve essere
usato come strumento di offesa ma solo come strumento di difesa. Piccolo e
pratico, si nasconde facilmente in borsa o in tasca. Lo spray al peperoncino può
essere utilizzato facilmente in ambienti chiusi ed aperti, ma bisogna stare attenti a
non rimanere coinvolti a propria volta nel suo utilizzo.
Lo spray è in libera vendita e non richiede nessuna denuncia né porto d’armi per
l’acquisto, purché la capacità della bomboletta non sia superiore ai 20 ml.

OFFERTA

Strumenti improvvisati

Oltre alle armi legali possiamo usare anche degli strumenti di difesa personale, cosiddetti improvvisati che quasi tutti hanno sempre con se, ad esempio le chiavi di casa o della
macchina, l’ombrello o perché no anche lo smartphone o il tablet. Diciamo che sono strumenti di difesa estremi da utilizzare proprio se non si ha via di fuga.

Tornando invece alle armi legali continuiamo l’elenco con altri strumenti che possono essere acquistati nei negozio specializzati oppure online.

3. Noccoliere

ombrello tirapugniPer la loro vendita ed il loro acquisto non c’è bisogno di porto d’armi né di denunciare il loro acquisto, però non possono essere portati fuori casa senza un motivo preciso, neanche se si ha un porto d’armi per difesa personale. Il Noccoliere è anche conosciuto come tirapugni o pugno di ferro. In commercio esistono anche alcuni tirapugni posizionati all’estremità dell’ombrello. Quindi all’apparenza sembra un normale ombrello, ma all’occorrenza si può trasformare in uno strumento di difesa personale.

4. Storditore elettrico

teaser legale.
Lo storditore elettrico è disponibile in vendita sia online che in negozio specializzati e nelle armeria. Si differenzia però dal taser, per il quale è necessario il porto d’armi.

Pistole per autodifesa legali

Fra gli strumenti di autodifesa vi sono anche le armi. Se si ha un porto d’armi per difesa
personale è possibile detenere una pistola.
Per acquistare un’arma è richiesta la licenza d’armi o nulla osta. L’arma deve essere
denunciata al commissariato, per informare dove l’arma e le munizioni saranno custodite.
Chi abbia un porto d’armi per difesa personale può portare con sé la pistola per farne uso,
chi abbia solo il nulla osta non può invece portare fuori casa l’arma.

Migliori tecniche per l’autodifesa

Probabilmente la migliore tecnica di autodifesa è l’utilizzo di tecniche di autodifesa e di arti
marziali, che richiedono contatto fisico e che richiedono forza ed agilità. Qualche mossa
basica può essere utile per disorientare l’aggressore. Il Krav Maga ad esempio è una
tecnica di autodifesa estremamente efficiente per bloccare l’avversario e colpirlo, per
difendersi in caso di aggressione personale e per avere il tempo di fuggire.

Condividi se l'articolo ti è piaciuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *